home Home Fondo Ponte
aft Collezione Permanente di Fotofrafie: i fondi
Gaetano Ponte vulcanologo e fotografo


Gaetano Ponte rappresenta una figura di rilievo, non soltanto come scienziato, nella Catania degli anni fra la fine dell'Ottocento e i successivi anni Venti, ricchi di fermenti e aspettative per la modernizzazione della città e dell'intera Sicilia.

Nato a Palagonia il 21 giugno 1876 da Giovanni e Raffaella Casabene, segue studi naturalistici, laureandosi all'Università di Catania nel 1903. Diviene professore di vulcanologia presso la stessa Università nel 1919 e nel 1926 alla sua cattedra viene annesso l'Osservatorio etneo, realizzato nel 1879 dall'astronomo Pietro Tacchini e rimasto in stato di abbandono per lunghi anni. Nel 1933, grazie alla sua opera di sensibilizzazione e alla riconosciuta fama di scienziato, viene istituito presso l'Università di Catania l'Istituto Vulcanologico, prima e unica struttura europea finalizzata allo studio dei vulcani, del quale assume la direzione. Ne fanno parte Osservatorio etneo e Casa cantoniera, destinate a diventare secondo il suo progetto, stazioni di rilevamento di alta quota.

È un intellettuale fra i più attivi in città e come molti intellettuali dell'epoca, coltiva interessi molteplici. Frequenta il Circolo artistico catanese, ambiente ricco di fervore culturale, e fra le sue amicizie oltre agli scienziati con i quali entra in contatto per i suoi studi, si annoverano Verga, De Roberto, Gentile, Marinetti.

Agli studi geofisici e vulcanologici, affianca interessi e attività diverse fra le quali spicca la passione per la fotografia, che sperimenta fin da giovane acquisendo notevoli capacità tecniche sostenute da una indubbia e raffinata sensibilità. Ne sono testimonianza sia le numerose immagini lasciateci dell'Etna e dello Stromboli, di rilevamento scientifico sistematico e di eruzioni, che il gran numero di immagini personali, dalle quali risulta più evidente la caratteristica del buon fotoamatore.

Sposato a Giuseppina Gulizia, dalla quale non ha avuto figli, muore a Transacqua, in provincia di Trento, il 18 luglio 1955.

Un approfondimento della sua figura si trova nel numero 17 della rivista "AFT. Semestrale dell'Archivio fotografico Toscano" dedicato alla presentazione del fondo Ponte e sulla brochure dell'INGV di Catania, realizzata in occasione della giornata di presentazione per la pubblicazione del catalogo.

 

© Archivio Fotografico Toscano - Comune di Prato