home
| AFT N.35 |
aft AFT Rivista di Storia e Fotografia
AFT   n.35

Giugno 2002
Copertina AFT 35
Sommario
 
 

Maria Carla Sclocchi, Donatella Matè, Daniele Ruggiero I costituenti organici dei materiali fotografici. Loro suscettibilita ad attacco biologico

Fernando Tempesti Fotogenie (II)

Patrizia Guarnieri L'Assistenza Baliatica e il Dispensario per Lattanti di Prato all'inizio del '900.

Raffaele Messina uido Giannini. Dieci foto per "Il mondo".

   
  Editoriale
  Questo numero di AFT, come già fu per il precedente, è dedicato al ricordo di Fernando Tempesti che dell’Archivio Fotografico Toscano fu tra i fondatori e valido collaboratore per oltre vent’anni nel duplice ruolo di membro del Comitato Scientifico e di direttore di questa rivista per la quale impegnò idee ed energie contribuendo a farne uno strumento importante nel campo degli studi sulla fotografia. Il fascicolo contiene la seconda e conclusiva parte di una lunga riflessione sulla fotografia che Fernando ci ha lasciato, ultima sua fatica e quella cui probabilmente teneva di più, quasi testamento spirituale, perché alla fotografia, così come alla letteratura per l’infanzia, egli si sentiva legato in maniera particolare, forse per quel suo essere, la fotografia, un po’ ai margini della cultura ufficiale, come peraltro lui stesso si sentiva, senza che la cosa costituisse un cruccio o avesse connotazioni negative.
Una delle figure che Fernando ebbe più care e che amava spesso citare, perché la sentiva vicina, era Giovanni Morelli di cui peraltro già si era occupato su AFT recensendo Della pittura italiana. Ebbene, a Morelli e al suo metodo di osservazione è riservata in larga misura la seconda parte di riflessione. La tesi di Tempesti è che il metodo messo a punto dallo studioso bergamasco per la pittura si presta ad essere applicato in maniera utile alla fotografia nella misura in cui ne interpreta e mette in evidenza la natura indiziaria antecedente e estranea ad ogni dimensione discorsiva che ha il suo riferimento nella parola.

 

© Archivio Fotografico Toscano - Comune di Prato