home
| AFT N.39/40|
aft AFT Rivista di Storia e Fotografia
AFT   n.39/40

Giugno/Dicembre 2004
Copertina AFT 39 40
Sommario
 
 

Franca Principe - Nadia Sensi - Stefano Casati Il Fondo Roster dell’Istituto e Museo di Storia della Scienza di Firenze

Daniela Tartaglia La fototeca dell’Istituto Agronomico per l’Oltremare

Dario Palomba Questioni di metodo. Note sulla gestione degli archivi fotografici di Enti pubblici

Andrea Greco Dagherrotipi e documentazione d’arte all’Accademia di Belle Arti di Firenze. Lorenzo Bartolini e Pietro Freccia scultori. 1840-1856

Luigi Tomassini Per una storia dei Fratelli Alinari fra economia e cultura

Sara Ragazzini I Fratelli Alinari. Note d’archivio per la ricostruzione delle vicende di una grande famiglia di fotografi

Marilena Tamassia La fotografia in italia e in Toscana. Le raccolte della Soprintendenza Speciale per il Polo Museale Fiorentino

Sara Ragazzini Fotografi a Firenze 1839-1914

 
Editoriale
La possibilità di accedere alle fonti, intese come immagini e come informazioni, è uno dei problemi per l’approfondimento della storia della fotografia e la conoscenza dei suoi autori. Purtroppo le fotografie molto spesso hanno subito il danno del tempo e sono andate perdute oppure sono disperse sul territorio tra vari soggetti senza che se ne sappia l’ubicazione, la quantità, la qualità, lo stato di conservazione. Quanto alle informazioni non di rado sono legate a materiali minori – inviti, avvisi pubblicitari, inserti commerciali – che quasi sempre non vengono catalogati né conservati dalle biblioteche, e quando lo sono, per la natura stessa della notizia, non è facile venirne a conoscenza. L’Archivio Fotografico Toscano ha avviato ultimamente una duplice operazione: la ricognizione delle raccolte possedute da enti e istituzioni culturali presenti sul territorio toscano (ma l’operazione andrebbe estesa ai privati); il recupero delle informazioni sui fotografi attivi a Firenze dal 1839 al 1914 attraverso lo spoglio delle fonti più eterogenee. I risultati ottenuti sono pronti per costituire la “Banca Dati Fotografi” consultabile in rete, concepita come strumento per la conoscenza e la conservazione. Questo fascicolo doppio di AFT si ricollega alle due operazioni: nella prima parte prende spunto dal censimento delle raccolte per presentare aspetti delle collezioni toscane di enti e istituzioni, nella seconda riunisce le schede dei fotografi dei quali sono state reperite notizie utili. In questo vuol essere un contributo all’approfondimento della storia della fotografia e uno strumento per gli studiosi.
 
Schede Fotografi

Le schede dei fotografi qui pubblicate sono state compilate da Sara Ragazzini nell'ambito della ricerca condotta per la tesi di laurea in Storia della Miniatura e Arti Minori discussa presso l'Università di Firenze nell'ottobre 1996 con Maria Grazia Ciardi Dupré. Successivamente le schede sono state acquisite dall'Archivio Fotografico Toscano con l'obiettivo di andare a costituire una “Banca Dati Fotografi” consultabile in rete dove potranno essere integrate sulla base delle nuove conoscenze e corrette.

Le schede sono registrate secondo l'ordine alfabetico dei fotografi. Ognuna riporta: una breve nota biografica quando i dati a disposizione lo permettono, le fonti d'archivio reperite, le fonti bibliografiche consultate. Delle fonti archivistiche e bibliografiche sono riportati i dati utili per la loro identificazione, ma soprattutto sono trascritti – ed è questa una peculiarità della ricerca – i testi che riguardano il fotografo al quale la scheda è intestata. Le fonti sono citate in ordine cronologico: per prima la fonte dove per la prima volta si parla del fotografo e così a seguire. L'arco di tempo preso in esame va dal 1939 al 1914, con una sola eccezione: il testo di Piero Becchetti Fotografi e Fotografia in Italia 1839-1980 (Quasar, 1978) considerato a tutti gli effetti una fonte, in quanto repertorio di informazioni trascritte da fonti (in generale i retri delle carte de visite e stampe fotografiche). Negli altri casi i testi citati sono da considerare referenze bibliografiche che integrano le conoscenze sul fotografo.

 

© Archivio Fotografico Toscano - Comune di Prato