home  
aft Servizi al Pubblico

Rivista AFT

Quaderni AFT

Finalitā e Organizzazione

Servizi al pubblico

Biblioteca e Catalogo

Collezione Permanente

Eventi e Attivitā
mostre
pubblicazioni
convegni
campagne
didattica

 

Natura, formazione del patrimonio e arricchimento delle raccolte

Il patrimonio di cui l'Archivio Fotografico Toscano dispone comprende:

  • una biblioteca dotata di libri di antiquariato e nuovi, di contenuto fotografico, acquistati sul mercato nazionale ed estero,
  • ricevuti in dono e per scambio;
  • un'emeroteca con le principali testate di riviste correnti di fotografia, nazionali e estere;
  • una collezione di immagini, negative e positive, a datare dalla seconda metā dell'Ottocento, di soggetto vario, organizzate per fondi e raccolte;
  • una collezione di oggetti di interesse storico-museale acquisiti nel tempo in prospettiva di costituire presso la propria sede un museo della fotografia.
L'Archivio provvede ad arricchire le proprie raccolte attraverso acquisti, donazioni e depositi, seguendo criteri che tengono conto dell'interesse storico, artistico e documentario delle immagini e dei materiali. L'obiettivo č di formare una collezione di libri, oggetti e immagini che costituisca un utile punto di riferimento e documentazione per chi vuole conoscere e studiare la storia della fotografia.

L'Archivio pratica lo scambio librario con le istituzioni e i soggetti, pubblici e privati, limitato alle pubblicazioni di contenuto fotografico.
Inoltre promuove e sollecita rapporti di collaborazione con coloro che posseggono immagini e materiali fotografici ai quali chiede di depositarli presso la propria sede allo scopo di favorirne la conservazione e farli conoscere. Il proprietario rimane titolare di tutti i diritti derivanti dal possesso, l'Archivio per contro si riserva:
  • il diritto di utilizzare le immagini nell'ambito delle proprie finalitā istituzionali;
  • la facoltā di riprodurre e trattenere copia delle immagini depositate che resterā di sua proprietā e di cui potrā disporre liberamente nell'ambito delle finalitā istituzionali del servizio, anche a seguito della restituzione del fondo dopo che siano scaduti i termini del deposito;
  • un diritto di prelazione sulle immagini e sui materiali da esercitare in caso di vendita o alienazione da parte del proprietario.
L'Archivio ricorre alla duplicazione delle immagini di proprietā di terzi, che non siano depositate presso la sua sede, solo in casi eccezionali e per quantitativi limitati, quando si sia in presenza di materiali di rilevante interesse storico-documentario, ponendo comunque sugli stessi un diritto di prelazione.

 

© Archivio Fotografico Toscano - Comune di Prato